STORIA de IL LABORATORIO


 Caratteristiche dell’Associazione ed esperienza specifica nel settore

Nella parrocchia del Beato Bernardo Tolomei  è in funzione dal 1986 Il Laboratorio, un centro per disabili gestito da circa 70 volontari, in collaborazione con la USL, il Comune di Siena e la Caritas Diocesana.

Il Laboratorio è un'associazione iscritta all'Albo Regionale e Nazionale del volontariato.


Destinatari

I soggetti che usufruiscono di questa iniziativa sono 30, in età da 25 ai 65 anni, con tipologie di handicap diverse. Il Centro è aperto a tutte le persone segnalate dalla USL 7 e dai Servizi Sociali del Comune.


Obiettivo

L'obiettivo primario è quello di promuovere la socializzazione dei portatori di handicap, aiutandoli a instaurare rapporti di amicizia con i loro coetanei.


Motivazioni

Ciò che inizialmente ha spinto i giovani della Parrocchia a partecipare a questa attività è stato il desiderio di dare concretezza alla Fede con gesti semplici nei confronti di chi soffre: il "fare" per i disabili è divenuto presto il fare con i disabili, eliminando barriere nei confronti del "diverso". Ora per i volontari, giovani e adulti, anche non parrocchiani, frequentare il Centro significa provare il piacere di stare insieme, di ridere e cantare tra amici.


Perché il Laboratorio

Il Centro è un laboratorio perché vi si svolgono vari tipi di lavori e occupazioni: manufatti in legno e creta, uso di colori, ascolto di musica, canto, danza, recitazione e cucina. Queste attività, oltre a tenere occupati i nostri ragazzi, contribuiscono a migliorare le loro percezione di sé e rappresentano un motivo di gratificazione quando i lavori realizzati vengono esposti in mostre aperte a tutti.


Locali e attrezzature a disposizione

Il Centro svolge le sue attività nei locali parrocchiali, dei quali fanno parte un salone con palcoscenico per rappresentazioni teatrali, la falegnameria, la ludoteca, il campo sportivo e bagni attrezzati per disabili. Tra le attrezzature, i ragazzi hanno a disposizione un computer, un forno per la cottura degli oggetti in ceramica, la "Pallestra", un tavolo da ping-pong e giochi di tutti i tipi. Tutti questi ambienti sono raggiungibili con scivoli per il traffico delle carrozzine.

 

Orario delle attività

Il Laboratorio è aperto dal lunedi al venerdi, la mattina dalle 9 alle 12 e il pomeriggio, dalle 16 alle 19. E' un servizio di pulmino per il trasporto dei ragazzi.


I ragazzi del laboratorio alla scoperta del mondo

La finalità del centro per disabili "Il Laboratorio" è la socializzazione dei ragazzi, e tale obiettivo viene regolarmente perseguito attraverso le attività socio-occupazionali, ludiche e ricreative che il nostro centro promuove durante tutto l'anno all'interno della propria struttura, attività già sostenute dai contributi del Comune e della USL 7. Già dal 1994 il Centro ha sperimentato la modalità della "vacanza insieme", con l'organizzazione di una settimana verde nel mese di luglio: è stata l'inaugurazione di una serie di iniziative di grande successo tra le quali si possono ricordare anche due settimane verdi, 2/3 giorni alle cinque terre, in montagna, a Gardaland, tre giorni a Venezia, la crocera Lourdes, Isola della Maddalena, Croazia, Sicilia. Riteniamo che la partecipazione dei ragazzi a questo tipo di iniziativa sia particolarmente positiva per i seguenti aspetti:

  • partecipano ad attività che contribuiscono al "farli sentire uguali agli altri": passeggiate in quota, escursioni sui pedalò, visite culturale che danno loro modo di arricchire le loro conoscenze.
  • prendono parte, con i propri genitori, ad attività di gruppo, elemento che contribuisce alla loro voglia di stare insieme e di condividere esperienze con altre persone.
  • chi partecipa senza genitori può contare sulla presenza costante e rassicurante dei volontari, adulti e ragazzi: con loro possono condividere momenti della giornata, nonché i momenti notturni, in modo da realizzare una vita comunitaria a pieno titolo, proprio come al campeggio.

    di notevole importanza riteniamo anche la possibilità che viene offerta ai genitori, di stare insieme, conoscersi meglio, scambiarsi idee, esperienze ed opinioni, elemento che, come abbiamo già avuto modo di osservare, sviluppa un senso di solidarietà e amicizia tra le famiglie che risulta essere di grande sostegno nella difficile vita quotidiana.